Investimenti 2019, finiamo l’anno con qualche previsione

Investimenti 2019, finiamo l’anno con qualche previsione

Investimenti 2019, finiamo l’anno con qualche previsione

Come ogni fine anno arriva puntuale il momento di qualche bilancio e previsione, per gli investimenti 2019 abbiamo qualche suggerimento e previsione. Stiamo per chiudere un anno decisamente turbolento, tanto per usare un eufemismo, dodici mesi altalenanti tra occasioni colte, mancate e perse. Già lo scorso dicembre l’euforia per le cripto valute aveva raggiunto il suo punto massimo, facendo “toccare” quasi quota 20.000 Euro x Bitcoin. Ovviamente il picco fu raggiunto sostenuto dalla speculazione che nel frattempo aveva già pianificato una “exit strategy” lucrosissima.

Molti, purtroppo ignari di quanto stava realmente accadendo, ci hanno rimesso gran parte del capitale, compromettendo tutti gli investimenti 2019. Le cripto valute hanno avuto il loro momento di gloria e forse si ritaglieranno una fetta di mercato come asset complementare. Chi ha avuto la bella idea di investire in Bitcoin un anno fa, ha perso sicuramente un bel po’ di soldi. Ora, è importante imparare a conoscere i tempi, quando un prodotto/servizio viene sbandierato sui media del mondo, vuol dire che il business su quel prodotto/servizio è già chiuso. O meglio, il business inizia nel momento in cui gli ignari iniziano a crederci e ad investire, ovvero quei polli da batteria ai quali “spennargli” un po’ di soldi. È successo e succederà ancora così!

Veniamo agli investimenti 2019

Con cautela e ponderata analisi, è da tenere d’occhio il dollaro che non scende da quasi un anno. Si può ipotizzare viste anche le divergenze USA-CINA-RUSSIA, ma possiamo dire anche con il resto del mondo, un cambio di rotta anche repentina. Questo del biglietto verde può essere un investimento strategico, mentre un asset sul quale porre altrettanta attenzione è il petrolio. L’oro nero è al minimo storico di tutto il 2018, una “fiammata” del prezzo è abbastanza auspicabile, visti gli andamenti geopolitici e le varie contrapposizioni. Di fatto il petrolio potrebbe salire già entro i primi mesi dell’anno con ottime percentuali. Se la politica internazionale dovesse ulteriormente peggiorare potrebbe far balzare il prezzo!

Fin qui gli investimenti 2019 che possono offrire ottime performance, non dobbiamo però trascurare un’eventuale asset qual è l’oro. Il metallo prezioso potrebbe diventare un ottimo sistema di “drenaggio” in caso di perdita su altri investimenti. È di sicuro un bene rifugio, che viste le continue turbolenze sui mercati, non è escluso un rialzo ai livelli del 2012, in ogni caso un asset tra i più sicuri in questo momento.

La previsione certa è l’incertezza

Seppure quest’anno che sta per finire non è stato dei migliori, considerando le perdite ad esempio delle principali borse mondiali, per gli investimenti 2019 la “key” di riferimento è “incertezza”. Con questo a sottolineare che anche per l’anno che inizia tra pochi giorni, si dovrà navigare a vista, almeno fino alle prossime elezioni europee che si terranno a maggio. Dopo questa data il quadro potrebbe cambiare aspetto in base a due variabili, peggioramento o miglioramento sensibile.

I dati oggi ci dicono che siamo di nuovo in recessione, l’economia rallenta in tutto il mondo e quasi sicuramente l’Italia ne potrebbe pagare il prezzo più alto. Sappiamo che l’economia e la finanza sono come “bimbi”, imprevedibili nelle loro azioni e per questo vanno tenuti sempre per mano. Non dimenticatelo!

Comments are closed.